Azioni sul documento
logo museo napolibeniculturali
immagine
Sala V
Clicca sull'immagine per ingrandire

Sala V

Pochi i contesti di scavo ancora ricostruibili “reperiti” dal Museo Civico.
L’ipogeo Sant’Aloia, nel 1956 saccheggiato e poi indagato dalla Soprintendenza Archeologica, restituisce uno dei pochi soggetti figurativi della pittura funeraria canosina. Il materiale sfuggito alla depredazione, in piccola parte riproposto, attesta la ricchezza del corredo, che prevedeva numerosi vasi policromi arricchiti da complesse decorazioni plastiche e almeno una statua di orante di cui restano pochi frammenti. I due corredi dell’ipogeo, strappato alla pala meccanica in via R. Bacone nel 1967, evidenziano dalla prima metà del II secolo a.C. un culto per la bellezza, espresso attraverso i recipienti e strumenti per la cura del corpo e la cosmesi, i gioielli. La sfera femminile si è aperta a nuovi e raffinati costumi sociali palesati dal set da scrittura e dai giochi di società.

Ulteriori informazioni
Bibliografia:


« ottobre 2017 »
do lu ma me gi ve sa
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031
 

Comunità Europea Interreg Italia-Albania Regione Puglia Ministria e turizmit, kultures, rinise dhe sporteve Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Puglia Tecnopolis Novus Ortus

Questo sito è conforme ai seguenti standard:

Sezione 508 WCAG
XHTML valido CSS valido
Consultabile con qualsiasi browser